domenica 15 gennaio 2012

LA STELLA A CINQUE PUNTE DI DON LUIGI VILLA.


La simbologia e il rituale sono «tutto» per la Massoneria! Il massone Augusto Lista scrive: «La Vera Iniziazione (…) è tutta, dico TUTTA, contenuta nel simbolismo e nella Rituaria Massonica»[1][1]
«Il simbolismo massonico, da un lato, e l’organizzazione ferrea, dall’altro, sono i due pilastri sui quali poggia l’edificio massonico, assai più che sui vaneggiamenti pseudoscientifici che nessuno intende e nessuno convincono»[2]
[2]
Nella miriade di simboli che fronteggiano il massone da quando entra in Loggia, ve n’è uno che spicca e che ha il predominio su tutti gli altri: è il simbolo della «Stella a cinque punte», «Il Simbolo massonico» per eccellenza!
Il dizionario dei simboli massonici lo fa assurgere a «simbolo massonico» per antonomasia.
Difatti, questa «Stella», si trova sui fazzoletti massonici, sui tappeti e sui quadri di Loggia, sugli schizzi e sulle rappresentazioni della Loggia; la si vede scolpita sui monumenti, incisa sui gioielli e medaglioni massonici; essa compare sui ritratti degli iniziati, sulle rappresentazioni allegoriche massoniche; compare sugli emblemi del 2°,3°,4°, 9°,12° e 24° grado del Rito Scozzese della Massoneria; essa spicca sui «grembiuli» massonici dell’«Apprendista» e del «Maestro»; viene collocata nel punto centrale della «collana» che portano i Grandi Maestri; ma il suo posto più elevato è alla sommità del Palazzo della Grande Loggia d’Inghilterra (la Freemason’s Hall), situata nella via: «Great Queen Street’s di Londra!


Stella a cinque punte: simbolo dell’uomo
Il tema centrale e il segno dominante del simbolismo massonico è l’Uomo. L’uomo ispira tutta la simbologia massonica: «Tutti i riti, le favole, le leggende, i miti, si riferiscono ad un solo argomento: l’uomo. Così, è anche per il simbolismo massonico»[3][3]
Ora, il vero «Spirito» non è quello sentimentale, ma quello iniziatici.
Il massone, nella composizione della «Squadra» e del «Compasso» - i simboli più comuni coi quali si manifesta la Massoneria - «vede» il «Pentagramma» (o Stella a Cinque punte) sia inscritto che circoscritto[4]
[4].
E, nelle sue raffigurazioni esplicite, come in quelle sottese occulte, la «Stella a cinque punte» supera per importanza, tutti gli altri, anche per la sua capacità di esprimere e di simboleggiare gli aspetti antropologici e quelli fisici, fino alle peculiarità più radicate e profonde della natura umana!
Così, la «Stella a cinque punte», o «Stella fiammeggiante», per la Massoneria diventa il più profondo e il più sacro dei suoi simboli!
Guillemain de Saint-Victor afferma: «La Stella fiammeggiante è il centro da dove parte la luce».[5]
[5]
Gédagle scrive: «La Stella fiammeggiante rappresenta la luce che illumina i discepoli dei Maestri (…); essa è, dunque, il simbolo dell’intelligenza e della Scienza»[6]
[6]
In un documento massonico si legge: «La stella fiammeggiante è l’emblema del libero pensiero, del fuoco sacro del genio, che eleva l’uomo a grandi cose»[7]
[7]
Il Wirth osserva che: «Il Pentalfa (...) è un simbolo magico che si riferisce ai poteri della volontà umana»[8]
[8]
Nel dizionario dei simboli massonici, la Stella a cinque punte ha questo significato: l’uomo.
Il massone Gorel Porciatti scrive: «La stella fiammeggiante che appare al Compagno vincitore delle attrattive terrene è la stella del Genio Umano; ha cinque punte, che corrispondono alla testa e alle quattro estremità dell’Uomo; è la Stella del Microcosmo che, in Magia, impersonifica il segno della Volontà Sovrana, cioè dell’irresistibile mezzo di azione dell’iniziato. Per avere questo valore, essa deve essere tracciata in guisa da potervisi inscrivere una figura umana: deve, cioè avere la punta rivolta verso l’alto».[9]
[9]
L’uomo all’interno della Stella a cinque punte, certe volte, è associato ai 7 simboli dei corpi celesti; il Wirth, nel suo libro «I Tarocchi», ci chiarisce che l’amalgama di questi 7 simboli formano un monogramma che «si collega al diavolo»!
Si comprende, così, perché i programmi della sètta siano iscritti nella sua simbologia e perché essa raramente rinunci a siglare con i suoi simboli le sue iniziative e i suoi trionfi, e, quindi, le vicende storiche che promanano dalle sue logge, così come le istituzioni su cui essa esercita il suo dominio occulto. Ed è proprio la «Stella a cinque punte», o «Pentalfa massonico», il simbolo con cui essa, più frequentemente, ama marchiare le proprie conquiste e simboleggiare il proprio dominio!
Infatti, è la stessa Stella che ricopre la bandiera degli USA. E’ la stessa Stella che contrassegnava la «Rivoluzione bolscevica»; è la stessa Stella che compariva sullo stemma delle «Brigate Rosse»; è la stessa Stella che compariva sullo stemma dell’ex PCI e su quello dell’ex PDS; è la stessa Stella che campeggia sulla bandiera cinese, cubana, Nord-coreana, vietnamita, algerina, tunisina, marocchina, somala, e sulle bandiere della maggior parte degli Stati, come pure sullo stemma della Repubblica italiana!
La «Stella a cinque punte» compare anche sugli emblemi dell’esercito americano come su quello russo e cinese. Questa Stella spicca anche sulla «Medaglia dell’Ordine della Rivoluzione d’ottobre».
Anche le stellette sul bavero delle divise militari italiane hanno lo stesso significato. Esse vennero prescritte nel 1871 dall’allora Ministro della Guerra, Cesare Ricotti-Magnai, che, da buon massone, aveva soppresso i Cappellani militari e la Messa festiva, «sostituendo la croce dei Savoia con la Stella massonica»[10]
[10]
La «sorella» Marie Rygier della loggia francese «Diritto Umano», in un suo libro, scriveva in proposito: «…(la massoneria) ha dato all’Italia il suo tesoro più prezioso: il pentalfa sacro, ed ha voluto che la Stella fiammeggiante fosse messa in mostra sull’uniforme dei soldati, indubbiamente perché la sua virtù magica del sangue, versato per la patria, vitalizzasse l’augusto pentacolo»[11]
[11]
Recentemente, anche l’Avvenire, in una articoletto dal titolo emblematico: «Stella massonica nella piazza del Palazzo», parla del rifacimento dello splendido piazzale antistante il Palazzo Montecitorio, “impreziosito” con una nutrita «serie di stelle a cinque punte, ossia con il simbolo più importante e più universalmente noto della Massoneria»

Stella a cinque punte sulla fronte del Baphomet
La Stella a cinque punte brilla sulla fronte del «dio» della Massoneria; il «Baphomet».
Alphonse Louis Constant definisce il Baphomet: «Il Becco del Sabbah», e cioè il Demonio. Poi, afferma: «Diciamo arditamente e altamente che tutti gli iniziati alle scienze occulte hanno adorato e adoreranno sempre ciò che è significativo da questo simbolo».
Padre Rosario F. Esposito scrive che il Baphomet «era portato in processione durante il rito di iniziazione del grado 29° (Grande Scozzese di Sant’Andrea in Scozia) ed è oggetto di pseudo-adorazione in numerose iniziazioni femminili.
Le cerimonie che si celebravano un tempo, in suo onore, erano le medesime di carattere fallico, celebrate in onore del Bue Api» [12]
[12]
Il Baphomet, dunque, sarebbe il dio della morale immonda! Non solo.
La Stella a cinque punte, dunque, sarebbe il simbolo di questa “lurida morale”. E’ il massone Gorel Porciatti che lo dice: «La Stella se rovesciata…diventa il simbolo dell’animalità degli istinti immondi; in essa, così rovesciata, si può inscrivere la testa di un Becco (la testa del Baphomet)»[13]
[13]
Il Massone Jules Doinel, fondatore e vescovo della «Chiesa Gnostica», nel suo libro «Lucifero smascherato», è ancora più esplicito: «La Stella fiammeggiante è Lucifero stesso»; e aggiunge che, a ciascuna delle punte della Stella, corrisponde uno dei cinque sensi dell’uomo.
Il massone Alphonse Louis Constant, nel suo libro: «Rituale dell’Alta Magia», a questo proposito, scrive: «Quella stella indica la presenza di Satana e della luce che egli irradia sulla Massoneria».
L’insegnamento totale dei 33 gradi del Rito Scozzese della Massoneria è contenuto in questa sola frase: L’Uomo è, a se stesso Dio, Pontefice e Re: egli è simile all’Altissimo!
Ora, questa auto-divinizzazione dell’uomo costituisce la prima «triplice verità»: il «PRIMO TRIANGOLO». La seconda «triplice verità» è l’auto-divinizzazione della Framassoneria: il «SECONDO TRIANGOLO». La terza «triplice verità» è l’auto-divinizzazione dei Capi della Framassoneria: il «TERZO TRIANGOLO».
Ecco il segreto più profondo e gelosamente custodito dai vertici della Massoneria! Ciò che rimane da sottolineare è che questa «verità senza veli», e cioè l’auto-divinizzazione dell’Umanità, della Framassoneria e del Battaglione che la comanda, costituiscono le tre «triplici verità che, rappresentate da tre triangoli «aurei», tra loro intrecciati, compongono la Stella a cinque punte.
Il culto di Lucifero, così manifesto nelle «istituzioni segrete» o nei documenti più riservati della Massoneria, viene, però, presentato, pubblicamente, quasi sempre sotto forma, più presentabile, di «religione dell’uomo» o «religione dell’umanità».