mercoledì 15 agosto 2012

LA TEOSOFIA.


La teosofia attinge la propria escatologia dalle dottrine orientali che ravvisano una correlazione necessaria e costante fra l’ ordine cosmico e quello umano. Dall’ osservazione cioè delle fasi naturali delle stagioni si evincerebbe l’ esistenza di un ciclo cosmico a carattere quaternario che si svolgerebbe in quattro fasi che l’ antichità greco-latina conosce come età dell’ oro, dell’ argento, del rame e del ferro. Tali cicli sarebbero ripetitivi e il cosmo, e quindi l’ umanità, ineluttabilmente dovrebbero percorrerli passando per le fasi descritte, dalle stelle alle stalle, in un eterno ritorno al punto di partenza. Secondo gli alti iniziati sappiamo di essere ormai da tempo nell’ età nera, il caos di fine ciclo. Possiamo aggiungere che siamo anche in una fase avanzata di esso. Circa poi le modalità di svolgimento sarebbero paragonabili a quelle di un corpo in movimento che cade dall’ alto e che aumenta la propria velocità col passare del tempo. Ne deriva che in fase finale, una volta entrati nell’ età nera del ferro, l’ umanità precipiterà nel caos di una dissoluzione sotto la guida di una gerarchia invertita il cui vertice sarà occupato dall’ essere che sarà più vicino di chiunque altro a toccare il fondo degli abissi infernali. Questo essere incarnerà veramente la disintegrazione galvanizzato da una volontà infernale che può dare l’ idea più esatta di qualcosa che sia arrivato ai confini stessi della dissoluzione. Ma il Regno di questo Anticristo sarà passeggero durando solo fino all’ ultimo momento del ciclo attuale quando verrà seguito da un raddrizzamento che, riportando istantaneamente tutte le cose al loro posto normale proprio nel momento in cui la sovversione sembrava completa, preparerà immediatamente l’ età dell’ oro del futuro ciclo, il New Age, la nuova era veniente, il Novus Ordo Seclorum che dal 1935 troneggia, testimone dei valori e dell’ ispirazione teosofica, sul biglietto da un dollaro americano. Se così fosse ne deriverebbe che tanto peggio oggi tanto meglio domani. Sembra che anche Hitler, discreto iniziato alla teosofia e membro della Thule Gesellschaft, una società segreta succursale germanica della Golden Down inglese, nella quale si praticava la magia cerimoniale, la pensasse così. E ciò che viene fatto oggi da coloro che governano il mondo è proprio questo: fare ogni sforzo per aumentare il disordine ad ogni livello. Ciò che sbalordisce nelle argomentazioni iniziatiche è la totale assenza di logica che postula in un istante il passaggio dalla notte più buia alla luce più fulgida. Ma la logica secondo gli iniziati non è che uno strumento di esposizione del tutto esteriore, privo di interesse per se stesso in quanto “ noi ci ricolleghiamo al punto di vista iniziatico e tutto il resto è completamente privo di valore ai nostri occhi “. L’ iniziazione predica e insegna: “ morte alla ragione. Solo quando la ragione sarà morta allora nascerà il nuovo uomo dell’ era veniente, il vero iniziato “.